Tag

, , , , , , , , ,

Leggi il mio articolo sul La Gazzetta di Lucca oppure qui sul mio blog.

24 corsi di perfezionamento, 34 docenti da tutto il mondo, 12 concerti riservati ai giovani, questi alcuni dei numeri del Francigena International Arts Festival presentato questa mattina a palazzo Ducale. Della cifra totale della manifestazione, invece, non si sa ancora nulla perché nessuno si è ancora preoccupato di fare i conti, ma il festival, in sinergia con nove comuni, è già iniziato mercoledì 11 giugno con un’anteprima che ha visto un trio esibirsi dentro l’aeroporto Galilei di Pisa, luogo scelto ad uopo perché ‘L’aeroporto è un posto dove si va per partire per un viaggio – ha spiegato Fabrizio Datteri,  direttore artistico della kermesse – e anche noi con il festival partiamo con un viaggio, quindi ci è sembrato il posto adatto per il primo concerto”.

Il Francigena International Arts Festival, che disloca i suoi eventi lungo la storica via Francigena è giunto alla sua quarta edizione grazie alla collaborazione di nove comuni: Lucca, Altopascio, Monteriggioni, Montecarlo, Capannori, Porcari, Forte dei Marmi, Camaiore e Pisa.

Stamani alla conferenza stampa sono intervenuti per la provincia di Lucca il dirigente alla cultura Paolo Benedetti, l’assessore alla cultura del comune di Lucca, Alda Fratello, il sindaco di Altopascio Maurizio Marchetti, il neo assessore alla cultura Silvia Amadei, il presidente del consiglio comunale di Porcari Lori Del Prete, il sindaco di Montecarlo Vittorio Fantozzi e in rappresentanza della Associazione Europea delle Vie Francigene il vice presidente Nicola Fantozzi, il direttore artistico Fabrizio Datteri e il direttore esecutivo Marco Lardieri.

Sinergia è stata la parola d’ordine della conferenza stampa e della realizzazione del festival con tutti gli assessori d’accordo che senza l’unione delle forze non sarebbe stato possibile portare in fondo la kermesse. “Senza i contributi economici (che non è dato sapere a quanto ammontano) che abbiamo avuto quest’anno – dice l’assessore Vittorio Fantozzi – non sarebbe stato possibile realizzare questo festival”.

Sinergia e valorizzazione degli eventi delle città coinvolte, tant’è che il giorno 23 agosto, per la notte bianca di Lucca, si terrà in concomitanza uno dei concerti che fa parte della manifestazione. “Si tratta di valorizzare questa esperienza nell’ambito di iniziative importanti – ha detto il dirigente Benedetti -. Dare risalto a un’iniziativa con un’altra è il filo rosso che caratterizza il Francigena International Arts Festival”.

“Tanti comuni uniti insieme dà un valore aggiunto a questa kermesse” ha sottolineato l’assessore Fratello, mente il sindaco Marchetti ha portato l’attenzione su il coinvolgimento dei ragazzi.

I concerti, tutti a ingresso gratuito, si terranno nei vari comuni, e si snoderanno fino al 30 di agosto, in parallelo con corsi di perfezionamento e masterclass che invece si svolgeranno ad Altopascio, Montecarlo e Porcari.

“Il festival – ha sottolineato Fabrizio Datteri insieme al direttore esecutivo Marco Lardieri – è l’unico esempio di festival, legato alla via Francigena, che unisce formazone musicale e esecuzione e che ha un vero respiro europeo e non solo visto che gli allievi arrivano da tutto il mondo” (Cina, Equador, Argentina alcuni dei nomi citati da Marco Lardieri, e per l’Europa, Polonia, Russia e Portogallo).

La conclusione del festival, il 30 agosto, vedrà l’esecuzione in contemporanea di sei pianisiti dell’associazione Cluster che in sei luoghi diversi delle mura, per festeggiare il 500enario della cinta muraria, eseguiranno musiche originali composte per l’occasione.

Info www.francigenafestival.it

Annunci