Tag

, , , , , , , , ,

Leggi la mia recensione su Sound Contest

L’album d’esordio della cantante milanese Simona Severini si intitola “La belle vie”. Incentrato sulla musica francese è dedicato al compositore dell’ ‘800 Gabriel Fauré. Così cinque degli undici brani sono composizioni giovanili di Fauré che si era avvalso delle liriche di poeti come Victor Hugo, Sully Prudhomme, Charles Marie René Leconte de Liste e Auguste Villiers de L’isle Adam per i suoi brani; quattro sono standard legati alla cultura francese come “La belle vie” di Sacha Distel, che dà anche il titolo al disco, “The summer knows” la cui musica è del compositore francese Michel Legrand, “Ce mortel ennui” di Serge Gainsbourg e “Emily” di Johnny Mercer che è il brano che più di tutti viene arrangiato in uno stile vicino a quello di Fauré. Due, “Sensation” e “Enfance”, sono invece composizioni che Antonio Zambrini ha plasmato su due liriche di Artur Rimbaud.
Gli arrangiamenti sempre attenti, nel pieno rispetto dei brani, e sono tutti di Zambrini che con il suo pianismo morbido accompagna anche la giovane cantante dalla voce dolce e intensa. Ottimo e sempre delicato l’interplay tra tutti i musicisti. La sezione ritmica, affidata a Alex Orciari al contrabbasso e Antonio Fusco alla batteria, è sempre precisa e mai invasiva; morbida e decisa al contempo. Ospite dell’album il clarinettista Gabriele Mirabassi: incisivo e sempre gustoso com’è nel suo stile ricama sognanti melodie. Un album da ascoltare.

TITOLO: La belle vie
ARTISTA: Simona Severini
ETICHETTA: My favorire S.r.l.
ANNO: 2011
MUSICISTI:
SIMONA SEVERINI: voce
ANTONIO ZAMBRINI: pianoforte
ALEX ORCIARI: contrabbasso
ANTONIO FUSCO: batteria
GABRIELE MIRABASSI: clarinetto nella traccia 2,8 e 9

Foto di Francesco Truono

TRACCE:
1. La belle vie
2. Mai
3. Au bord de l’eau
4. Lydia
5. Pusque j’ai mis ma levre
6. Enfance
7. Emily
8. Sensation
9. The summer knows
10. Ce mortel ennui
11. Les presents

Foto di Francesco Truono

Annunci