Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Intervista al giornalista Franco Fayenz che ha sempre seguito Umbria Jazz, dal 1973 fino ad oggi, per conoscere le sue impressioni sull’ultima edizione del festival appena terminato.

Foto di repertorio di Francesco Truono

Visti i tanti appuntamenti di questa edizione del festival di Umbria Jazz e la tua esperienza avrai sicuramente scelto di seguire i concerti più belli.
Esatto. Ho scelto di seguire il fior del fiore. E posso affermare con sicurezza che il concerto che mi è piaciuto di più in assoluto è stato uno di quelli di mezzanotte al Teatro Pavone dove sono andato, prima per l’affetto artistico, e poi per quello personale che mi lega al clarinettista Gabriele Mirabassi. Oltretutto lui continua a dire che sono stato io a scoprirlo, ma non e’ vero. Ho avuto solo la fortuna di essere uno dei primi a sentirlo. Comunque secondo me e’ uno dei migliori clarinettisti al mondo (continua a leggere su Sound Contest).

Annunci