Tag

, , , , , , , ,

Leggi la mia recensione sul sito di Sound Contest

Haruka è il terzo album del quartetto Gaia Cuatro. Il gruppo, nato dall’unione di due culture lontane e molto diverse, è composto dai giapponesi Aska Kaneko alla voce e violino,Tomohiro Yahiro alle percussioni, e dagli argentini Gerardo Di Giusto al pianoforte e Carlos “el Tero” Buschini al basso elettrico e contrabbasso. Ad eccezione di Yahiro ognuno dei musicisti contribuisce con proprie composizioni alla buona riuscita di quest’ultimo lavoro, che si apre con l’elegante voce di Aska Kaneko. In “Mizuho” le sonorità che ricordano il lontano e impenetrabile Giappone si confondono e si mescolano con altre terre e culture (non solo sudamericane) in un crescendo di suoni, ritmi e colori impreziosito da brevi ma intensi assoli.

Ospite dell’album è Paolo Fresu, che nella title track “Haruka” duetta con Kaneko in un crescendo magico, in cui la voce, il violino, la tromba e il pianoforte suonato sull’ultima ottava alta danno vita a sonorita’ sospese nel vuoto. Alcuni brani come “Jugadeta” e “Ventarron”, firmati da Di Giusto, sono vigorosi (in entrambi e’ lasciato molto spazio al preciso dinamismo di Tomohiro Yahiro) e incentrati su una serie di chiamate e risposte tra pianoforte e violino, in un simbolico dialogo tra Argentina e Giappone. Ma la tecnica di Kaneko lascia con il fiato sospeso anche su altri brani ricchi di energia come “Sin Vueltas” e “Negras y Negros”, entrambe firmate da Carlos “el tero” Buschini e “Nada”, una composizione del pianista che si apre in minore sulle note del pianoforte e del contrabbasso. Un brano nostalgico dove il violino sembra un grido di dolore al quale risponde Paolo Fresu, in un contrasto ricco di pathos.

La poderosa tecnica virtuosistica di Asha Kaneko, l’energico dinamismo di Tomohiro Yahiro, l’eleganza di Gerardo Di Giusto e Carlos “el tero” Buschini si uniscono in un incontro tra due culture così differenti in album ai confini del jazz.

Musicisti:
Aska Kaneko, violino e voce
Gerardo Di Giusto, piano
Carlos “el Tero” Buschini, basso elettrico, contrabbasso.
Tomohiro Yahiro, percussioni
Paolo Fresu, tromba in 3 e 8

Brani:
01. Mizuho
02. SinVueltas
03. Haruka
04. Jugadeta
05. Ventarron
06. Otro Paisaje
07. Negras y Negros
08. Nada

Annunci